L’esposizione diretta al sole per i conigli: benefici e precauzioni

coniglio al sole

I conigli in natura sono animali crepuscolari, ossia sono più attivi al tramonto e all’alba, i momenti in cui stanno all’aperto per brucare l’erba. Durante il giorno stanno al sicuro nelle loro tane sotterranee, anche se saltuariamente escono durante il giorno. La loro esposizione alla luce solare è quindi abbastanza limitata. In effetti, non hanno strettamente necessità di esporsi al sole.

Come per tutte le altre specie, la luce solare nel coniglio determina a livello della pelle la sintesi di vitamina D. Questa vitamina ha la funzione di far assorbire dall’intestino il calcio contenuto nell’alimento. Il calcio è un elemento fondamentale per la vita e tra le sue funzioni vi è la salute delle ossa. Il coniglio ha la particolarità di non aver bisogno di vitamina D per assimilare il calcio presente nel suo cibo (fieno, erba e verdure gli apportano tutto il calcio di cui ha bisogno). La vitamina D nel coniglio entra in gioco quando la sua dieta è povera di calcio, favorendone l’assorbimento, ma ciò non dovrebbe succedere se viene alimentato correttamente.

L’esposizione alla luce solare aiuta a mantenere i ritmi circadiani naturali del coniglio. Questi ritmi influenzano il sonno, l’alimentazione e altri comportamenti quotidiani, promuovendo un equilibrio generale. Se portati all’aperto, l’ambiente esterno incoraggia i conigli a muoversi di più, contribuendo così a prevenire l’obesità e altre malattie correlate alla sedentarietà.

Mentre l’esposizione alla luce solare è indubbiamente benefica, è fondamentale adottare alcune precauzioni per garantire che il coniglio non sia esposto a rischi. Per prima cosa occorre che il coniglio all’aperto si senta a suo agio e al sicuro. L’ambiente deve essere tranquillo e protetto, inoltre occorre sempre stare insieme all’animale per controllarlo; i conigli non devono essere lasciati all’aperto incustoditi. Lasciate sempre a disposizione una ciotola d’acqua fresca.

La temperatura esterna non deve essere eccessiva in quanto i conigli sopra i 30°C possono subire un colpo di calore, e ciò vale anche se sono all’ombra. Evitate quindi l’esposizione al sole nelle ore più calde, verificate che ci sia una zona d’ombra e controllate il coniglio per segni di sofferenza dovuti al caldo, come respiro affannoso, letargia o comportamento irrequieto. In questo caso riportate immediatamente il coniglio in casa al fresco.

Il coniglio può esporsi al sole anche durante i mesi freddi. Potete tranquillamente permettergli di stare all’aperto durante le giornate soleggiate, assicurandovi che abbia un rifugio caldo e che non sia esposto a venti freddi o umidità eccessiva. I conigli non temono il freddo.

Se per qualche motivo non è possibile esporre il coniglio al sole diretto, tenete conto che con un’alimentazione corretta questo non rappresenterà un grosso problema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.